Controversies in Genitourinary Tumors
Tumore Vescica
Tumore Vescia

Uso degli inibitori della fosfodiesterasi di tipo 5 per la disfunzione erettile e rischio di melanoma maligno


L'obiettivo per i farmaci orali per la disfunzione erettile, gli inibitori della fosfodiesterasi di tipo 5 ( PDE5 ), è parte di un percorso coinvolto nello sviluppo del melanoma maligno.
È stato segnalato di recente un aumento del rischio di melanoma negli utilizzatori di Sildenafil.

È stata esaminata l'associazione tra uso di inibitori di PDE5 e rischio di melanoma, compresi i dati su specifici inibitori di PDE5, numero di prescrizioni, e stadio del melanoma nazionale, mediante uno studio basato sulla popolazione, caso-controllo nidificato, che ha utilizzato lo Swedish Prescribed Drug Register, lo Swedish Melanoma Register e altri registri sanitari e banche dati demografiche in Svezia, tra cui 4.065 casi di melanoma diagnosticati dal 2006 al 2012 e 5 controlli selezionati caso per caso con corrispondente anno di nascita.

È stato considerato il numero di prescrizioni per gli inibitori PDE5 Sildenafil ( Viagra ) e Vardenafil ( Levitra ) o Tadalafil ( Cialis ).

Le principali misure erano il rischio di melanoma in generale e per stadio, e rischio di carcinoma a cellule basali.

Dei 4.065 casi di melanoma, 435 uomini ( 11% ) avevano avuto prescrizioni di inibitori di PDE5, così come 1.713 uomini di 20.325 controlli ( 8% ).

All'analisi multivariata, è stato riscontrato un aumento del rischio di melanoma negli uomini che hanno assunto inibitori di PDE5 ( odds ratio, OR=1.21 ).

L'aumento più marcato del rischio è stato osservato negli uomini che avevano una sola prescrizione ( OR=1.32; tasso di esposizione, 4% per i casi vs 3% per i controlli ), ma era significativo tra gli uomini con più prescrizioni ( per 2-5 prescrizioni: OR=1.14, 4% per i casi e 3% dei controlli; per 6 prescrizioni o più: OR=1.17, 3% per i casi vs 2% per i controlli ).

Gli inibitori di PDE5 sono risultati significativamente associati con il melanoma stadio 0 ( OR=1.49, 13% per i casi vs 8% per i controlli ) e stadio I ( OR=1.21, 12% per i casi vs 10% per i controlli ), ma non per lo stadio II-IV ( OR=0.83, 6% per i casi vs 7% per i controlli ).

Le stime di rischio erano simili per Sildenafil e Vardenafil o Tadalafil.

L’uso di inibitori PDE5 è stato anche associato a un aumentato rischio di carcinoma a cellule basali ( OR=1.19, 9% per i casi vs 8% per i controlli ).

Gli uomini che assumevano inibitori PDE5 avevano più alti livelli di istruzione e di reddito annuo, fattori che erano significativamente associati con il rischio di melanoma.

In conclusione, in una coorte svedese di uomini, l'uso di inibitori di PDE5 è risultato associato a un aumento modesto del rischio, seppur statisticamente significativo, di melanoma maligno.
Tuttavia, il modello di associazione ( ad esempio, la mancanza di associazione con più prescrizioni ) solleva interrogativi sul fatto che questa associazione sia causale. ( Xagena2015 )

Loeb S et al, JAMA 2015; 313: 2449-2455

Uro2015 Dermo2015 Onco2015 Farma2015


Indietro